Itinerari

TERME DI MONTELUNGO - PASSO DELLA CISA

Partendo da Pontremoli seguire le indicazioni per il passo della Cisa lungo la strada statale (S.S. 62) oltrepassato il paese di MONTELUNGO s’incontra dopo circa 500 mt. la stazione termale omonima d’acque oligominerali, da sempre conosciute per le loro qualità terapeutiche. Proseguendo sulla strada statale, sin da lontano, è possibile scorgere la graziosa chiesetta della Cisa, splendido esempio di stile gotico, risalente ai primi decenni del secolo scorso. Costruita completamente in arenaria, costituisce un importante punto d’incontro per la gente di qua e di là del passo. Essa è da tempo meta particolare di sportivi di fama, che per devozione qui hanno lasciato diversi cimeli delle loro attività.

 

PASSEGGIATA AL MONTE CUCCHERO

Partendo da Montelungo Superiore si segue la strada statale della Cisa per 2 Km. Giunti al tornante posto subito prima del Passo del Righedo, si lascia la statale e si prosegue per altri 2 Km su strada sterrata lungo il crinale di monti che delimita la Valdantena a Sud-Est. I primi 750 metri sono su strada sterrata larga, percorribile anche con mezzi fuoristrada. Si tratta di una strada di servizio atta a raggiungere un parco di antenne per le telecomunicazioni situato sulla sommità di uno dei monti del crinale. Dal parco antenne in poi la strada si fa sentiero, con fondo misto tra terra battuta e prato. Il percorso è agevole e presenta tratti in salita e in discesa. Dalla cima del Monte Cucchero si può ammirare un panorama a 360° fra i più belli della Valle, in cui si distingue per bellezza e imponenza la sagoma del Monte Orsaro.

 

PASSO DELLA CISA - PASSO DEL CIRONE

Si tratta di un'escursione di media difficoltà, che si sviluppa su una distanza di pochi Km, interamente percorsa sul Sentiero 00 per un dislivello di 463 mt. Si parte dai 1041 mt del Passo della Cisa. Dopo circa 250 metri di strada statale in direzione Berceto si può trovare sulla destra la partenza del Sentiero 00. Il primo tratto è pianeggiante e costeggia boschi di abeti e faggi. Si comincia poi a salire verso la prima delle cinque vette che questo tratto appenninico ci offre, il Monte Valoria. Il sentiero prosegue nel bosco quasi fino alla vetta, posta a mt 1229 dove si esce allo scoperto sui prati. Da qui in poi l'escursione è tutta allo scoperto, ad eccezione di rari tratti che attraversano piccoli boschetti nati sul crinale lungo la serie di salite e discese che si susseguono per superare le vette successive. Dopo il Monte Valoria uno strappo netto in salita è rappresentato dall’ascesa sulla “schiena” del Groppo del Vescovo (mt 1243) un monte dal profilo particolare in quanto la sua faccia  Sud è rappresentata da una parete rocciosa dritta e scoscesa, mentre a Nord si presenta come un versante declive e ricoperto da prati. Il Sentiero 00 si arrampica per 200 metri circa, per un dislivello di circa 70 mt. E’ possibile comunque aggirare questa cima, percorrendo un sentiero alternativo che vi gira intorno. Si scende dal Groppo del Vescovo, proseguendo in direzione Sud e affrontando un’alternanza fra salite e discese e oscillando su una quota compresa fra i 1240 e i 1340 mt. Segue l’ascesa verso i 1399 mt del Monte Fontanini. Da qui in poco tempo si scende verso i 1377 mt del Monte Beccara. A questo punto il Sentiero 00 si dirige verso l’ultima vetta prima del Passo del Cirone, il Monte Borgognone. E’ possibile salire sulla vetta a 1401 mt, oppure rimanere sul sentiero, che in questo tratto si distacca brevemente dal crinale, passando di poco sotto la cima. Da qui ai 1248 mt del Passo del Cirone è tutta discesa.